Festa conclusiva di Giringiro 2007

12 Ottobre 2007

Senza precedenti le richieste di adesione alla Festa conclusiva di Giringiro che quest’anno superano ogni record.

Il 19 ottobre, grazie all’I.R.Vi.T., migliaia di bambini delle V elementari e delle I medie delle scuole della Provincia di Roma prenderanno parte allo spettacolare evento presso il Ninfeo di Villa Aldobrandini. Grazie alla partecipazione della Co.Tra.L., più di trenta pullman faranno la spola per trasportare il vero e proprio esercito dei bambini. Tutto ciò è la testimonianza tangibile dell’impegno, della dedizione e delle capacità di chi ha sempre creduto in Giringiro. Il successo straordinario di questa iniziativa la consacra definitivamente come un fenomeno culturale di elevata qualità e di grande popolarità.

Sono oltre ventimila i ragazzi che, nel complesso delle edizioni di Giringiro, hanno visitato gratuitamente le Ville Tuscolane, dimore dall’inestimabile valore storico, culturale e architettonico. È proprio grazie a queste iniziative, che si diffondono tra le nuove generazioni la conoscenza ed i concetti di valore, tutela e salvaguardia del patrimonio storico, architettonico, culturale e paesaggistico del Lazio. Considerato il successo, il 20 ottobre l’evento sarà desinato anche agli anziani iscritti ai Centri sociali della Provincia di Roma che, novità di quest’anno, hanno partecipato alle gite. Aprire Giringiro alle adesioni dei meno giovani per stimolarne l’intelletto e la capacità cognitiva, per incrementarne la vita sociale e per contrastarne la solitudine, è uno dei grandi risultati che l’I.R.Vi.T. ha raggiunto con successo. Questo è quanto ha dichiarato il Commissario Straordinario dell’Ente dott. Silvio Lavagnini. Una mostra fotografica e audiovisiva, la banda, concerti di musica classica, giochi, animazione didattica e culturale, questo e tanto altro ci sarà ad attendere i bambini e i meno giovani che parteciperanno all’evento. Con l’avvio di iniziative come queste si intende contribuire concretamente alla diffusione della conoscenza delle Ville Tuscolane, quali complesso monumentale di inestimabile valore storico, architettonico e demo-etno-antropologico dell’area dei Castelli Romani e del Lazio. Come nel caso dello IERSED, Istituto Europeo di Ricerca scientifica e Documentazione delle Ville Tuscolane, progetto ormai in esecuzione per un centro studi all’avanguardia, forse unico nel suo genere. Il Centro sarà dotato di un dinamicissimo portale internet ed intranet che renderà possibili lavori inter-universitari a livello europeo su tutti i campi e su tutti gli argomenti legati al patrimonio storicho-architettonico, con numerosi benefici per l’Italia e soprattutto per la Regione Lazio, che per prima intraprenderà questa strada. Grazie allo IERSED diventeranno di competenza regionale tutti i materiali iconografici librari antichi e moderni relativi alle Ville Tuscolane, fino a questo momento in possesso del Ministero dei Beni e delle Attività culturali.
Iniziative che favoriscono sia la crescita socio-economica e culturale del territorio locale sia la cooperazione internazionale: l’I.R.Vi.T. prosegue con successo il faticoso percorso teso alla salvaguardia e valorizzazione delle Ville Tuscolane e allo sviluppo della Regione Lazio.