Image Alt

Villa Mondragone

Mar 26 2017 - Mar 26 2017

Villa Mondragone

Date
  • Mar 26 2017 - Mar 26 2017

Location

La storia

Il complesso di Villa Mondragone sorge su una collina in posizione felicemente panoramica, rivolta verso Roma. Situata tra Frascati e Monte Porzio Catone, comune del quale fa parte, la Villa è circondata da un incantevole parco di 18 ettari .

Posta sui resti di un’antica villa romana appartenente alla famiglia dei Quintili, venne edificata tra il 1573 e il 1574 dal giovane cardinale Marco Sittico Altemps, nipote di papa Pio IV Medici, per ospitare la corte papalina di Gregorio XIII. A quest’ultimo si deve il nome “Mondragone” riferito al drago alato, simbolo araldico della casata di Gregorio XIII, i Boncompagni, usato come elemento decorativo nel palazzo e nel giardino. La villa è opera dell’architetto della famiglia Altemps, Martino Longhi il Vecchio della scuola del Vignola, che su suggerimento del pontefice costruì un nuovo imponente edificio sul poggio sovrastante, sfruttando come sostruzioni i resti romani della residenza dei Quintili anche se con orientamento diverso. La Villa presenta molte ampie sale, alcune delle quali riccamente decorate. Tra tutte spicca la maestosa Sala degli Svizzeri che pur non presentando nessuna decorazione è conosciuta per aver fatto da cornice a un importante evento storico: la Riforma del Calendario Giuliano voluta proprio da Papa Gregorio XIII che qui promulgò, nel 1582, la celebre Bolla “Inter gravissimas”.

Nel 1613, il cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V, acquistò villa Mondragone e altre proprietà del duca Gian Angelo Altemps e tra il 1616 e il 1618 diede il via a significativi lavori di ampliamento condotti dall’architetto fiammingo Jan van Santen, detto Giovanni Vasanzio, progettista di fiducia del cardinal Borghese. Questi interventi interessarono sia il blocco edilizio, ampliato con la galleria di collegamento tra il casino del Longhi e la Retirata, la piccola costruzione residenziale edificata per il figlio del cardinale Altemps, sia l’esterno con il Giardino grande, il portico, il Teatro delle Acque e la grande corte quadrangolare che richiama la cour d’honneur delle residenze reali di Francia. Fu residenza estiva dei papi fino al 1626 quando Urbano VIII, salito al soglio pontificio, la spostò a Castel Gandolfo segnando l’avvio di una progressiva decadenza dell’intero complesso delle Ville Tuscolane e in particolare di Villa Mondragone.

Nel 1866, venne acquistata dalla Compagnia di Gesù che le restituì il suo prestigio collocandovi dapprima la sede estera del collegio Ghislieri e successivamente un’importante istituzione educativa, il Nobile Collegio Mondragone, convitto per i rampolli di famiglie altolocate. Nel 1929, l’architetto Clemente Busiri Vici progettò e diresse i lavori di ampliamento e ristrutturazione interna della Villa, realizzando anche la cosiddetta “galleria nuova” che oggi, dopo i lavori di adeguamento funzionale e l’attività di valorizzazione attuati dall’I.R.Vi.T. e ha preso il nome di “galleria Gregorio XIII. Nel 1981, la Villa fu ceduta dalla Compagnia di Gesù all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata che, dopo iniziali interventi di rifunzionalizzazione, ne ha fatto la sede di rappresentanza dell’Ateneo e il luogo ideale per l’organizzazione di diversi eventi.

Informazioni e contatti

Università degli Studi di Roma Tor Vergata
www.villamondragone.it

Visite guidate IRViT: info@irvit.it

 

COME ARRIVARE
Via Frascati, 51
00078, Monte Porzio Catone (RM)